060608


Carta bianca a Danilo Rea nel concerto di Roma Sinfonietta a Univ. TorVergata

Data: 06/03/24

Orario

Mercoledì 6 marzo alle ore 18.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Columbia, 1
Zona: Torrenova (Roma est)
Facoltà di Lettere e Filosofia - Università di Tor Vergata

Informazioni

Biglietto intero € 12.00

Biglietto ridotto € 8.00 personale universitario e over 65

Biglietto ridotto € 5.00 studenti

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Telefono: 06 72595113
Acquisto online: romasinfonietta@libero.it
Acquisto telefonico: 06 3236104

Descrizione

Danilo Rea trova nella dimensione del piano solo il momento ideale per dare forma al suo universo espressivo e al suo talento naturale per l’improvvisazione. Ci solo solo lui e il suo pianoforte.
E' uno show dinamico, in cui l’improvvisazione è la protagonista che proietta gli ascoltatori in un mondo le cui strade sono tutte da scoprire. Gli è stata data carta bianca, perché Rea stesso dice: Improvviso sempre durante i concerti, nulla è già deciso: per me un concerto è come un salto in un mondo che ti si apre strada facendo. È un po’ come raccontare una storia, cercando di costruirla parola dopo parola, e trovando spunti per reinventarla ancora, sempre viaggiando melodicamente sul filo dei ricordi comuni.
Con il suo talento capace di spaziare in qualunque repertorio, la sua sensibilità musicale, il suo estro gentile e la sua forza creativa, Danilo Rea schiude le porte a infinite possibilità che si aprono agli ascoltatori. Le sue improvvisazioni spaziano dai capolavori della musica classica e operistica, riletti con un ricco e puro linguaggio jazzistico... ma sempre con profondo rispetto della bellezza degli originali. Oppure si ispira ai Beatles e ai Rolling Stones: la difficoltà è arrivare a esprimere con un solo strumento, e soprattutto senza la voce, la pressione di una band completa. Quello che cerco di trasmettere è un senso di apertura verso tutto, perché in realtà la musica è una sola e alla sua base c’è la melodia: è fatta per generare emozioni e la chiave per arrivarci è tutta lì. Oppure possono essere un tributo a Fabrizio De André o cento altre cose, perché Rea afferma: odio avere una scaletta.
I concerti di piano solo di Danilo Rea conquistano le platee di tutto il mondo, fino alla Cina: oltre a essere il primo jazzista ad avere dato un concerto di piano solo alla sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma nel 2003, è protagonista di un concerto al Guggenheim Museum di New York nel 2006.
Parallelamente accompagna come pianista i più importanti cantanti italiani: Mina, Gino Paoli, Claudio Baglioni, Pino Daniele, Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Il suo talento lo  porta ad affermarsi anche sulla scena internazionale e a suonare a fianco dei più grandi nomi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Bob Berg, Phil Woods, Michael Brecker, Tony Oxley, Joe Lovano, Gato Barbieri, Aldo Romano, Brad Mehldau, Danilo Pérez, Michel Camilo, Luis Bacalov.
Danilo Rea è tra i pochi italiani ad essere menzionato in The Biographical Encyclopedia of Jazz, la più accreditata enciclopedia globale del jazz.

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali
Data di ultima verifica: 29/02/24 08:54
©2007 - Roma Versione classica