060608


I Giovedì della Villa

Data: da 17/09/20 a 24/09/20

Orario

 giovedì 17 settembre dalle ore 19 alle 20.30 - concerto di Alex Beaupain
 giovedì 24 settembre dalle 19 alle 21 - mostra di Namsal Siedlecki 

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Viale della Trinità dei Monti, 1
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero fino a esaurimento posti, Prenotazione obbligatoria

Contatti

Telefono: Centralino: +39 06 67611 - 06 6761223 - 06 6761311
Fax: +39 06-6761305
Hashtag: #giovedìdellavilla
Hashtag: #jeudisdelavilla

Descrizione

Tornano i Giovedì di Villa Medici, dopo l'interruzione della scorsa stagione dovuta al lockdown, con il concerto del musicista Alex Beaupain e con la mostra di Namsal Siedlecki curata da Pier Paolo Pancotto per Art Club #31.
Il concerto di Alex Beaupain è allestito nei Giardini della Villa giovedì 17 settembre dalle ore 19 alle 20.30. Alex Beaupain ha occupato un posto speciale nella tipica chanson francese. È stato il suo primo album «Garçon d’honneur» (2005) a ispirare la sceneggiatura del film «Les Chansons d’amour» di Christophe Honoré. Con Beaupain la “canzone d’amore” ha dunque riacquistato intensità, lirismo e vitalità. Tutte doti che sembravano perdute. La colonna sonora di questo film è stata premiata con un Disco d'Oro e sempre nel 2008 il musicista ha ricevuto il Premio César per la migliore musica da film. Numerosi ed altri sono state le sue composizione per  titoli di film e il teatro, tra cui citiamo le opere diretta da Thierry Klifa di cui è protagonista l'attrice Fanny Ardant. Il suo sesto album, «Pas plus le jour que la nuit», è uscito nel settembre 2019.
 
Il Giovedì della Villa successivo, il 24 settembre dalle 19 alle 21, vede in scena la mostra di Namsal Siedlecki curata da Pier Paolo Pancotto per Art Club #31, allestita in diversi spazi della Villa e anche al suo esterno. La ricerca di Siedlecki pone attenzione sulle materie organiche e inorganiche presenti nella vita quotidiana. Sin dagli inizi dei suoi lavori, come un moderno alchimista, l'artista si è confrontato con un'ampia varietà di materiali come il metallo, il cuoio, la pergamena, la cera, vetro e ancora la cenere, il ghiaccio, il sale e di soluzioni tecniche volte alla loro trasformazione. Ne sono prova i lavori selezionati per questo interessante appuntamento.

Data di ultima verifica: 16/09/20 15:35
©2007 - Roma Versione classica